Defr: il governo regionale affonda in aula. Pd e 5 Stelle: “Si dimetta”

Trentadue voti su 65. Ne servivano 33 per approvare il Documento di programmazione economico e finanziaria 2018-2020 e il governo di Nello Musumeci ha fallito l’obiettivo. L’aula è stata subito sospesa ed è stata convocata la conferenza dei capigruppo. Pd e M5s hanno votato contro. “Se il presidente crede di non essere in grado di governare questa Regione, si dimetta – il commento del capogruppo del Pd Giuseppe Lupo – anche alla luce della bocciatura del Defr, il presidente valuti serenamente la situazione: non fa bene alla Sicilia avere un governatore che un giorno sì e uno no, ripete di non avere una maggioranza”.

“Se pensate che mi voglia consegnare ostaggio di qualcuno, scordatevelo – aveva detto il presidente della Regione eletto dal centrodestra, rivolgendosi all’aula – se serve un confronto facciamolo qui in aula alla luce del sole, ma se qualcuno pensa che io prima di entrare in aula debba passare dal capo-corrente di turno per avere il suo voto, scordatevelo. Non avrei alcuna difficoltà a restituire la parola ai siciliani. Non intendo perdere la mia dignità

 “È stato un dibattito in parte serio e in parte fortemente demagogico, è il segnale evidente di un’aria di inquietudine in quest’aula – ha detto Musumeci – pensare che il peso della responsabilità debba cadere solo sul presidente e sul governo, è un atteggiamento del tutto sbagliato”. Musumeci aggiunge: “Ho rispetto per il ruolo delle opposizioni, ma qui non si può giocare al ‘tanto peggio tanto meglio’, qui ognuno di noi è chiamato a dare risposte”. E la risposta è arrivata.

NO COMMENTS

Lascia un Commento: